EventiToscana

Pitigliano intitola a Enrico Pellegrini il Museo civico Archeologico della Civiltà Etrusca

abato 6 luglio, ore 17, la cerimonia pubblica e il convegno. Nell’occasione saranno presentate le ceramiche etrusco –corinzie oggetto di un recente restauro

Il Museo Civico Archeologico della Civiltà Etrusca di Pitigliano sarà intitolato a Enrico Pellegrini, archeologo, studioso e appassionato del territorio pitiglianese, direttore scientifico della struttura museale dal 1997 al 2016, anno della sua prematura scomparsa.

La cerimonia pubblica si terrà sabato 6 luglio, alle ore 17, al Museo Civico Archeologico, in piazza della Fortezza Orsini 59/C. Per volontà dell’attuale direzione scientifica del Museo e del Comune, nell’occasione, sarà presentato ai cittadini il complesso inedito di ceramiche etrusco-corinzie oggetto di un restauro conservativo, che andrà ad arricchire il Museo con un nuovo spazio espositivo. Seguirà il convegno “La Ceramica etrusco-corinzia della Collezione Vaselli nel Museo di Pitigliano e subito dopo: “Enrico Pellegrini, l’uomo, l’archeologo”, nel ricordo di amici, colleghi e familiari.

Il nuovo complesso espositivo è costituito da produzioni vulcenti di imitazione orientalizzante, databili tra il VII e il VI secolo a.C., che furono scoperte alla fine degli anni novanta dallo stesso Enrico Pellegrini tra il materiale etrusco della collezione privata di Adele Vaselli proveniente da Poggio Buco. All’insediamento etrusco di Poggio Buco, Pellegrini aveva dedicato i suoi studi giovanili pubblicando un’opera monografica che è ancora oggi di riferimento. L’opera portava per la prima volta a conoscenza della comunità scientifica il nucleo di materiali archeologici della collezione privata di Adele Vaselli, donati nel 1995 alla comunità locale, che divenne il primo nucleo espositivo del museo archeologico di Pitigliano.

 “Enrico Pellegrini fu chiamato a ricoprire il ruolo di direttore scientifico dei musei civici archeologici nel 1997 – spiega Irene Lauretti, assessore comunale alla Cultura – per volontà di Alberto Manzi, allora sindaco di Pitigliano e ha continuato a svolgerlo fino al 2016, anno della sua prematura scomparsa. Possiamo dire che Pellegrini è il fondatore del Museo. L’intitolazione è quindi un atto per noi dovuto e dal forte significato commemorativo che ci consente di porre nel giusto rilievo questo grande studioso che amava profondamente Pitigliano e di farlo conoscere alle generazioni future.”

“In qualità di erede di Enrico Pellegrini nella direzione scientifica delle due realtà archeologiche di competenza civica – afferma Debora Rossi, direttore scientifico dei musei civici archeologici di Pitigliano -nell’interesse delle realtà museali e in considerazione dell’innegabile valore professionale, sia in termini di contributo alla conoscenza, sia di tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico di Pitigliano come patrimonio collettivo, credo nell’importanza di dedicare il Museo alla memoria del suo reale fondatore. E’ un atto dovuto a una persona meritevole, al cittadino pitiglianese ad honorem e al professionista che ha sempre ottemperato al suo ruolo di direttore scientifico con rigore scientifico e senza alcun onere per le amministrazioni che si sono avvicendate. Ho avuto il privilegio di conoscere il lato umano di Enrico e di crescere professionalmente con le sue preziose indicazioni. Con questa targa ricorderemo un grande amico, un bravo archeologo e un instancabile studioso.”

Il nuovo complesso espositivo del Museo dedicato alla ceramica etrusco-corinzia di Poggio Buco è composto da corredi funebri legati alle principali personalità artistiche e alle botteghe ceramiche etrusche operanti fra la fine del VII secolo a.C. e il 560 a.C. a Vulci, come il Pittore della Sfinge Barbuta e gli artigiani del gruppo degli Anforoni Squamati e delle botteghe dei vasi policromi non figurati (Gruppo delle Palmette Fenicie, Gruppo dei Fiori di Loto), fino ad arrivare ai ceramografi della seconda (pittore di Pescia Romana) e della terza generazione (Ciclo delle Olpai, Pittore dei Rosoni, Pittore di Casuccini) secondo la classificazione di J.Gy. Szilágyi, cui si uniscono gli artigiani dei grandi gicli tardivi (Gruppo a Maschera Umana, Ciclo dei Galli Affrontati, Ciclo degli Uccelli)”. Oggi è possibile ammirare questi reperti soprattutto grazie alla caparbia volontà della dottoressa Simona Rafanelli che insieme a Pellegrini avviò lo studio iniziale del nucleo inedito di ceramiche di Poggio Buco.

Ma ecco il programma della giornata: alle ore 17 prenderanno la parola il sindaco Giovanni Gentili e Irene Lauretti, assessore al Turismo, Istruzione, Cultura e  presidente della Rete provinciale dei Musei di Maremma. Seguiranno gli interventi di Matteo Milletti, della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo; Maria Letizia Arancio, Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale; Debora Rossi, direttore scientifico dei musei civici archeologici di Pitigliano.

Dopo l’intitolazione del Museo seguirà alle 17 e 30 il convegno “La ceramica etrusco –corinzia nella collezione Vaselli del Museo di Pitigliano”. Simona Rafanelli del Museo Civico Archeologico Isidoro Falchi di Vetulonia parlerà delle ceramiche etrusco-corinzie di Poggio Buco dallo studio al restauro sino all’esposizione: un percorso lungo 20 anni (2000-2019). Alle 17 e 50 Lisa Pieraccini  Ph.D. University of California Berkeley, History of Art Department “M. Del Chiaro” di Center for Ancient Italian Studies, tratterà il tema “Le ceramiche etrusche di Poggio Buco… in California: passato, presente e futuro”. Alle 18 e 20 Adriano Maggiani, dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, interverrà su “Poggio Buco e gli altri centri dell’Etruria vulcente nei periodi Orientalizzante ed Arcaico”. Modera Debora Rossi, direttore scientifico dei musei civici di Pitigliano.  La seconda sessione del convegno apre alle ore 18 e 40 con il ricordo di Enrico Pellegrini: “l’uomo, l’archeologo” a cura di familiari, amici e colleghi. Modera Maria Letizia Arancio della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale. Seguirà la visita libera al museo archeologico. L’iniziativa è gratuita e aperta a tutti.

Info: 0564 614067 – 389 5933592; mail: museo@comune.pitigliano.gr.it.

#RitroviamociDa #TempoLiberoalloStatoPuro!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: