“Cop28: Le Prossime Fasi della Battaglia contro la Disinformazione e la Transizione verso un Futuro Sostenibile”

0
570

La Cop28 ha monopolizzato le conversazioni degli ultimi giorni, offrendo spunti di riflessione e dibattiti intensi. Ora, è giunto il momento di analizzare cosa può accadere successivamente e quali azioni pratiche possono essere adottate.

Una delle prime priorità è affrontare la crescente e sofisticata disinformazione sulla crisi climatica. Questa problematica è emersa in modo evidente durante la Cop, con il Presidente Al Jaber che ha suscitato scalpore con affermazioni smentite dal Sultano stesso. È necessario arricchire gli strumenti a disposizione per contrastare questa tendenza alla disinformazione.

Un primo passo è sviluppare una narrazione più aggressiva sulle fonti fossili, non limitandosi solo agli impatti climatici ma evidenziando le profonde ingiustizie sociali ed economiche connesse a questa dipendenza. La Cop28 ha delineato chiaramente questa direzione, sottolineando come la discussione sulle fonti fossili abbia assunto un ruolo centrale nei negoziati.

Il passo successivo è enfatizzare le ingiustizie associate al modello di sviluppo basato sui combustibili fossili. Questo modello non solo danneggia l’ambiente, ma genera disuguaglianze sociali e economiche, penalizzando le comunità legate alle estrazioni e beneficiando solo pochi individui. È urgente ribaltare l’attenzione su queste disuguaglianze.

La terza questione chiave è implementare una “transizione giusta”. La lotta alla crisi climatica non può prescindere dalle implicazioni sociali e lavorative. È necessario dimostrare che la transizione energetica può generare opportunità lavorative per tutti.

Le città, protagoniste nel panorama della lotta al cambiamento climatico, devono assumere un ruolo centrale. La Cop28 ha visto un maggiore coinvolgimento delle voci dei sindaci nei negoziati, evidenziando l’importanza di includere le politiche climatiche urbane nei piani nazionali di riduzione delle emissioni.

Infine, il vero banco di prova sarà nella messa in pratica di queste azioni al di fuori dei riflettori. È necessario un costante impegno quotidiano per tradurre gli accordi in azioni concrete, coinvolgendo attivamente le comunità locali.

La Cop28 può essere considerata conclusa, ma il vero successo risiede nell’azione costante e tangibile per un futuro sostenibile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here