“Umbria Jazz Winter 2023: Orvieto si Veste di Note dal 28 dicembre al 1° gennaio”

0
101

Titolo: “Umbria Jazz Winter 2023: Orvieto si Veste di Note dal 28 dicembre al 1° gennaio”

L’attesa è finita: da Orvieto risuoneranno le note più incantevoli mentre Umbria Jazz Winter, nel suo trentesimo anno, accende la città con una vibrante celebrazione musicale. Le strade del centro diventano il palcoscenico per le travolgenti parate dei Funk Off, mentre il Duomo accoglierà i suggestivi canti gospel per salutare il Capodanno, giornata mondiale della Pace.

La formula consolidata del festival offre un’esperienza senza interruzioni: dalle esibizioni nei teatri storici come il Mancinelli e la Sala dei 400, fino alle location più suggestive come il Palazzo del Capitano del Popolo e il museo Emilio Greco, la musica fluisce senza sosta.

I festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno avverranno in grande stile con cenoni e spettacoli dal vivo al Palazzo dei Sette e alla sala Expo del Palazzo del Capitano del Popolo, dove gli amanti della buona musica potranno anche gustare i Jazz Lunch e Dinner, unendo così il piacere dell’ascolto a quello della cucina locale.

La giornata si snoda tra esibizioni imperdibili, come il concerto inaugurale del Kaleidoscope Quartet e del Berklee-Umbria Jazz Clinics Award Group, e momenti unici come l’annullo del francobollo con il manifesto ufficiale del festival, che si terrà al foyer del Teatro Mancinelli.

E dopo il tramonto, l’atmosfera si infiamma con le street parade dei Funk Off, seguite da esibizioni di artisti del calibro di Filippo Bianchini & Luca Mannutza, Sticky Bones, Nick the Nightfly e il quintetto dedicato a Dexter Gordon. La serata prosegue con il Jazz Dinner alla Sala Expo, con Lovesick e Ray Gelato, per culminare con le magistrali performance del trio di Alessandro Lanzoni e del sestetto di Cecile McLorin Salvant al Teatro Mancinelli.

Umbria Jazz Winter 2023 a Orvieto si prepara a offrire un’esperienza musicale indimenticabile, dove ogni nota è parte di un viaggio unico nel cuore della città e nell’anima di chi ama la buona musica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here