Allergie stagionali e antistaminici in gravidanza: come affrontare la fioritura senza starnuti

0
81

La primavera, con il suo carico di colori e profumi, porta con sé anche per molte donne in gravidanza il fastidioso ritorno delle allergie stagionali. I pollini, infatti, possono scatenare una serie di sintomi come starnuti, naso chiuso, prurito agli occhi e lacrimazione, che possono influenzare negativamente la qualità della vita della futura mamma.

Ma è possibile tenere sotto controllo le allergie in gravidanza? La risposta è sì, anche se è importante prestare attenzione alla scelta dei farmaci da assumere. In questo articolo, vedremo insieme come affrontare le allergie stagionali in gravidanza, con consigli utili per alleviare i sintomi in modo sicuro e naturale.

Quali sono i sintomi delle allergie stagionali in gravidanza?

I sintomi delle allergie stagionali in gravidanza sono i medesimi che si manifestano nelle donne non incinta:

  • Starnuti
  • Rinite allergica (naso chiuso, prurito al naso, rinorrea)
  • Congiuntivite (prurito agli occhi, lacrimazione, arrossamento)
  • Prurito alla pelle
  • Tosse
  • Affanno (in casi più gravi)

Come prevenire le allergie stagionali in gravidanza?

Anche se non è possibile eliminare completamente il rischio di sviluppare allergie stagionali, esistono alcune misure preventive che possono aiutare ad alleviare i sintomi:

  • Evitare l’esposizione ai pollini: limitare il tempo trascorso all’aperto nelle giornate ventose e con alta concentrazione di pollini, soprattutto nelle prime ore del mattino e nel tardo pomeriggio.
  • Arieggiare la casa: far circolare aria fresca negli ambienti domestici, soprattutto nelle prime ore del mattino.
  • Tenere le finestre chiuse: soprattutto durante la notte e nelle giornate più ventose.
  • Usare un purificatore d’aria: può aiutare a ridurre la concentrazione di pollini nell’aria.
  • Fare la doccia e cambiare i vestiti: dopo essere state all’aperto, per eliminare i pollini che possono essersi depositati sulla pelle e sui capelli.
  • Sciacquare spesso il naso: con soluzione fisiologica o acqua tiepida, per liberarlo dal muco.
  • Evitare fumo e polvere: che possono irritare le vie respiratorie e peggiorare i sintomi allergici.

Quali antistaminici si possono assumere in gravidanza?

Non tutti gli antistaminici sono sicuri in gravidanza. È importante consultare sempre il proprio medico o ginecologo prima di assumere qualsiasi farmaco, anche quelli da banco.

In linea generale, gli antistaminici di prima e seconda generazione sono considerati i più sicuri in gravidanza. Tra questi, ricordiamo:

  • Cetirizina
  • Loratadina
  • Desloratadina
  • Levocetirizina

Esistono anche alcuni antistaminici da banco che possono essere assunti in gravidanza, ma è importante sempre chiedere il parere del medico.

Cosa fare se i sintomi sono gravi?

Se i sintomi delle allergie stagionali sono gravi e non migliorano con le misure preventive e con gli antistaminici, il medico può consigliare altri farmaci, come i corticosteroidi nasali o i broncodilatatori.

È importante non sottovalutare i sintomi e rivolgersi sempre al proprio medico per ottenere una valutazione e una terapia adeguate.

Rimedi naturali per alleviare i sintomi delle allergie stagionali in gravidanza

Oltre ai farmaci, esistono anche alcuni rimedi naturali che possono aiutare ad alleviare i sintomi delle allergie stagionali in gravidanza:

  • Fare lavaggi nasali con soluzione fisiologica
  • Utilizzare un umidificatore per l’aria
  • Bere molta acqua
  • Consumare cibi ricchi di omega-3 (pesce azzurro, frutta secca)
  • Assumere probiotici
  • Praticare yoga o meditazione per ridurre lo stress

Conclusione

Le allergie stagionali possono essere un fastidio per le donne in gravidanza, ma con le giuste precauzioni e i farmaci adeguati è possibile tenere sotto controllo i sintomi e vivere una gravidanza serena. È importante rivolgersi sempre al proprio medico per ottenere una valutazione e una terapia personalizzate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here