Violenza contro le donne: il cortometraggio “Libera” vince 2 premi a Cannes e lancia un grido contro gli abusi

Un cortometraggio potente e toccante che porta alla luce la realtà delle vittime di violenza e la loro difficile rinascita.

0
70
Barbara Sirotti Foto di Max Oazi

Il cortometraggio “Libera”, diretto da Barbara Sirotti e interpretato da un cast stellare che include Luca Ward, Francesco Pannofino, Benedetta degli Innocenti e Alex Poli, ha trionfato al Festival di Cannes, aggiudicandosi ben due premi: il Best Experimental Award e il 1st Audience Award del Cannes 7th Art Awards.

Un’opera che nasce da un’esperienza personale

“Libera” è un’opera profondamente personale per la regista, che ha tratto ispirazione dalla sua esperienza di vittima di abuso fisico e tentato omicidio da parte del suo ex compagno. Un’esperienza che ha già avuto modo di raccontare con forza a diverse testate giornalistiche italiane, come Canale 5, TG2 Italia e RTL 102.5.

Un viaggio all’interno della psiche di una donna abusata

Il cortometraggio ci immerge nella psiche di una donna intrappolata in un loop temporale che rappresenta la sua realtà distopica dopo la violenza subita. Attraverso un montaggio sapiente e una regia emozionante, la regista ci porta a vivere i traumi, le paure e le speranze della protagonista, creando un’esperienza immersiva e toccante per lo spettatore.

Un messaggio di speranza e una denuncia sociale

“Libera” non è solo un racconto di dolore, ma anche un messaggio di speranza e rinascita. La protagonista, infatti, trova la forza di liberarsi dai suoi demoni e di ricominciare a vivere. Allo stesso tempo, il cortometraggio lancia una denuncia sociale contro la violenza sulle donne, un’emergenza che richiede un impegno concreto da parte di tutti.

Un’opera premiata a livello internazionale

“Libera” ha già collezionato oltre 60 premi nazionali e internazionali, tra cui l’ultimo in ordine di tempo in Iran. Un riconoscimento importante che sottolinea il valore universale del messaggio del cortometraggio.

Un’occasione per riflettere e sensibilizzare

La proiezione di “Libera” al Festival di Cannes è un’importante occasione per riflettere sulla piaga della violenza contro le donne e per sensibilizzare il pubblico su questo tema. Un tema di grande attualità, purtroppo, come dimostrano i recenti fatti di cronaca.

Come sostenere la regista e la sua lotta

Se vuoi sostenere la regista Barbara Sirotti e la sua lotta contro la violenza sulle donne, puoi seguirla sui suoi canali social:

Insieme possiamo dire basta alla violenza contro le donne!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here